+39 (0)444 569544

News

ACCORDO DI LIBERO SCAMBIO UE - GIAPPONE

ACCORDO DI LIBERO SCAMBIO UE - GIAPPONE

23/01/2019

news \ Doganale
Con la Decisione UE 2018/1907 del Consiglio – G.U. L. 330 del 27 dicembre 2018 è stato approvato l’accordo di partenariato economico tra l’Unione europea e il Giappone, che consentirà agli operatori economici interessati, di avvalersi dell’Origine Preferenziale sia per merci originarie del Giappone importate nell’UE che per le merci originarie dell’UE esportate verso il Giappone, con conseguente riconoscimento dell’esenzione o riduzione daziaria all’importazione nei rispettivi Paesi.
 
Con avviso pubblicato nella G.U dell’UE (L. 9 del 11 gennaio 2019), il suddetto accordo entrerà in vigore dal 1° febbraio 2019.
 
Un'attestazione di origine può essere rilasciata da un esportatore di un prodotto sulla base di informazioni che dimostrano che il prodotto è originario, comprese informazioni sul carattere originario dei materiali utilizzati nella produzione del prodotto. L'esportatore è responsabile della correttezza dell'attestazione di origine e delle informazioni fornite. 
 
Per beneficiare del trattamento tariffario favorevole, l’unica prova di origine ammessa è la dichiarazione di origine preferenziale su fattura o su qualsiasi altro documento commerciale che descriva il prodotto originario in modo sufficientemente dettagliato da consentirne l'identificazione. Non è previsto quindi l’utilizzo del certificato di circolazione Eur.1.
 
La dichiarazione di origine preferenziale su fattura può essere rilasciata da qualsiasi esportatore per prodotti originari il cui valore totale non superi 6.000,00 Euro, oppure per qualsiasi importo (senza limitazioni) riguardo gli operatori registrati nel Sistema REX aventi lo “status di Esportatore Registrato”.
 
Per qualsiasi necessità e assistenza in termini di applicazione delle norme in materia di Origine Preferenziale, nonché in relazione alla gestione delle istanze di ottenimento dello status di Esportatore Registrato, lo staff di ARTEMA resta a disposizione delle imprese interessate.
 
© Riproduzione riservata
 

Condividi l'articolo